Close

L'Associazione

Il nome della nostra Associazione: Vimala o “purezza” deriva dall’ospedale dermatologico di Mumbai.

E’ stata costituita il 12 gennaio 1999 da Mimmi e Ornella, è un’associazione benefica, apolitica e aconfessionale che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale a favore di persone svantaggiate a causa di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari. 

Nasce dall’incontro delle fondatrici con gli “Amici delle Missionarie dell’Immacolata (ONLUS)” e un gruppo di volontari attivamente impegnati nell’aiutare, sostenere e curare i molti tibetani fuggiti dal Tibet e ospiti nei campi profughi in India.

Per conoscerci meglio puoi scaricare qui:

Team

Mimmi Guglielmone Vigliani

Presidente

Abito a Lugano, ho due figli e quattro nipoti. Ho iniziato la mia avventura di volontariato in India con Dominique Lapierre. Dopo qualche anno mi sono unita a mia cognata Ornella e a un gruppo italiano che aiutava le Suore Missionarie dell’Immacolata nel loro lebbrosario a Mumbai: sostegno a distanza di bambini malati di lebbra o con genitori o famigliari malati. Nel 1999 Ornella ed io abbiamo fondato l’associazione Vimala a Lugano e dopo poco abbiamo incontrato Debbie che già da molti anni lavorava per aiutare i profughi tibetani in India. Questa sinergia ha dato una nuova spinta alla associazione che da allora ha realizzato un gran numero di progetti. Questo lavoro mi ha dato grandi gioie, mi ha fatto conoscere persone fantastiche in entrambi i continenti e mi offre la grande possibilità di aiutare chi ne ha bisogno. Da un anno si è unito a noi mio figlio Federico, assicurando un futuro alla associazione.

Scrivimi
Ornella Vigliani Dogliotti

Senior Partner

Sono torinese e vivo a Milano da quando mi sono sposata. Ho due figlie e cinque nipoti. Nel 1991 ho sentito forte il desiderio di occuparmi in modo attivo delle persone meno fortunate di me e ho pensato che in certi paesi anche solo con un sorriso si può essere ricompensati da un altro sorriso. Così è iniziata la mia avventura umana in India, nel lebbrosario di Mumbai. Dopo qualche anno con mia cognata Mimmi abbiamo fondato l’Associazione Vimala che oggi, validamente supportata anche da Debbie, lavora principalmente per la salute e l’istruzione di bambini indiani e di profughi Tibetani in India ma si occupa anche di progetti umanitari in molti altri Paesi. Oggi guardando quello che abbiamo fatto,” una goccia nell’oceano”, c’è la gioia di aver ricevuto tanti sorrisi e la speranza di riceverne altri ancora. 

Scrivimi
Debbie Carrani

Responsabile Campi Profughi Tibetani

Mi chiamo Debbie, ma ormai tutti mi chiamano Debbie-la, quasi fossi tibetana, e la cosa mi piace molto. Giovane ribelle ed irrequieta sono partita a 18 anni da sola per le strade dell’India, non so bene cosa cercassi ma è certo che l’ho trovato perché non ho più smesso di andarci e di girarla in lungo e in largo. In questo immenso paese mi sono sentita da subito come a casa e mi ha offerto l’occasione di conoscere i tibetani, i campi profughi dove hanno trovato rifugio, la storia tormentata di questo popolo, la loro lingua, la loro cultura. Per me è stata una rivelazione, empatia e amore a prima vista che mi hanno spinto ad impegnarmi in prima persona; volevo e dovevo fare qualcosa per questa gente straordinaria che vive da più di sessant’anni in esilio e che ha bisogno di tutto. La mia storia è presto raccontata, 29 anni di volontariato, dapprima solitario poi meglio strutturato e con tanti progetti realizzati e in cantiere grazie all’incontro a fine degli anni ’90 con Mimmi e Ornella e l’associazione Vimala in cui sono confluiti, potenziandosi, i nostri sforzi comuni. Vivendo tra l’Italia e l’India, interpreto il mio volontariato come un ponte, i ponti uniscono e collegano; non ho figli, forse perché la mia famiglia sono loro, tutti i miei bambini tibetani ed indiani che ho visto e vedo crescere e ai quali Vimala si sforza di offrire un futuro migliore. 

Scrivimi
Raffaella Stiuso

Responsabile Turismo Solidale

Il mio primo viaggio in India risale al 1992 con la motivazione di conoscere il bambino tibetano che avevo adottato tramite Debbie. E’ stata un’emozione forte, nonostante non potessimo comunicare nel modo tradizionale, ci siamo amati subito e ancora oggi che lui è grande e non vive più in India, siamo sempre in contatto. Quell’incontro e molti altri durante il mio viaggio hanno fatto venire in me il desiderio di fare qualcosa di più e così è iniziato il mio percorso, cercando nuovi sponsor per i bambini e gli anziani tra le persone che conoscevo in Italia.Successivamente sono entrata più attivamente, con viaggi frequenti in India per conoscere meglio la realtà e le necessità di questo popolo. Oggi mi occupo all’interno dell’associazione della gestione delle adozioni a distanza insieme a Debbie. Una grande gioia sapere che tante persone continuano dopo tanti anni ad aiutare i loro bambini e i gli anziani.

Scrivimi
Federico Guglielmone

Consigliere

Sono padre di Tommaso e Niccolò, vivo a Lugano, ho intrapreso studi umanistici ma lavoro da 15 anni in ambito finanziario.Seguo con molto orgoglio da anni l’attività di volontariato della mia mamma, di mia zia Ornella e di tutto il gruppetto di simpatiche Signore che si impegnano con il sorriso.Nel 2012 ho finalmente accompagnato la spedizione in India e, naturalmente, sono tornato più ricco di quando son partito. Da allora sono felice di aiutare come posso.

Scrivimi
Marie Christine De Werra

Tesoriere

Sono nata a Parigi, ho studiato a Firenze dove mio padre si era trasferito con la famiglia per lavoro, e dal 1973 al 2013, data alla quale sono andata in pensione, ho vissuto e lavorato a Ginevra. Nel mio ultimo lavoro ero responsabile dell’amministrazione e del personale in un “family office”. Nel 2013 ho accompagnato Mimmi in India per vedere come l’associazione Vimala svolgeva le sue attività. Il desiderio avuto sin dall’infanzia di aiutare il prossimo, un po’ come un  San Bernardo, si è risvegliato: convinta e affascinata da quello che avevo visto ho integrato il gruppo dove le mie competenze mi portano a studiare le previsioni e la fattibilità di alcuni progetti.

Scrivimi